Languages

 

Turismo in crisi? Ecco i dati della Pasqua 2012

Come di consueto, l’Enit-Agenzia ha monitorato i principali Tour Operator dei mercati europei ed oltreoceano per stimare la customer satisfaction e la linea delle vendite relative all’incoming italiano per la Pasqua 2012.

Dal monitoraggio è risultato che tutti i Tour Operator si ritengono soddisfatti delle vendite.

Nello specifico:

  • il 60,2% ha registrato un aumento delle vendite rispetto al turismo pasquale del 2011;
  • il 21,5% ha registrato un calo rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente;
  • il 18,3% ha registrato una situazione di stabilità.

Per gli operatori d’oltreoceano è stato riscontrato un incremento delle vendite più diffuso rispetto agli operatori europei. È stato infatti il 72,1% dei T.O. Americani che ha registrato incrementi; mentre gli europei si attestano al 50%.

La formula più venduta è stata quella relativa ai pacchetti individuali, come affermato da ben il 45,5% dei T.O. europei e dal 27,3% dei T.O. oltreoceano.

Gran parte dei turisti, anzi la quasi totalità, ha scelto per i viaggi pasquali i pacchetti relativi alle città d’arte. Ma non sono mancate le scelte relative ai percorsi enogastronomici e alle attrazioni tipiche delle città italiane.

Insomma l’Italia è stata meta privilegiata da turisti europei e d’oltreoceano che, a dispetto della crisi e magari pur approfittando di sconti, promozioni e pacchetti viaggio, hanno scelto di passare le vacanze pasquali circondati dalla cultura e dall’arte del nostro paese.

Si aspettano ora le previsioni del turismo estivo. Chissà che non vada ancora meglio.

 

Blog , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

I tuoi commenti

Filosofia di We Italy

L’unione fa la forza, e su We Italy ogni associato è tanto più forte nelle vendite quanto più è unito al gruppo e alla mission!

News dal blog