Languages

 

aloewebcafe

Sappiamo veramente tutto del benessere

Con la distribuzione dell’informazione in Italia ormai tutti sanno tutto e di conseguenza nessuno sa nienteci riempiamo la bocca di qualsiasi cosa, leggiamo un trafiletto su un giornale e diventiamo tutti esperti , ormai il bar dello sport dove trovi i super tecnici di tutto non è più tra i tavoli fumosi di un bar di periferia a discutere degli errori fatti sui campi da gioco ma è su tutte le riviste-giornali – internet. Questo oramai vale su tutti i campi, per non parlare del benessere. apri qualsiasi giornale, rivista, internet, blog e trovi sempre il famoso ( angolo del benessere ) che essendo un argomento di tendenza tutti vogliono dire la loro.

tutti i guru americani esperti nelle tendenze del mercato futuro????? mettono al primo posto come business del futuro  il benessere.

domani tutti potranno essere  più belli, più scattanti più atletici anche a 90 anni e quindi sempre di più le persone si rivolgeranno a prodotti che li faranno sentire in quel particolare stato di benessere.

e allora se vuoi essere à la page devi assolutamente comprare e diventare un cliente assiduo di quel prodotto perché ti farà stare bene, non avrai più nessun tipo di problema, anche a 90 anni potrai corteggiare la ragazza di 20 sicuro che questa cadrà ai tuoi piedi grazie al consumo di quel prodotto.

FANTASTICO!

ma che cos’è il benessere

e quali sono i prodotti che veramente si possono considerare di benessere

compriamo quel prodotto perché ne abbiamo sentito parlare tanto che non può non essere buono.

oppure è perché siamo diventati talmente pigri che scegliamo il più commercializzato e quello che più troviamo vicino e non facciamo assolutamente caso alla verità.

una persona attenta dovrebbe leggere prima di tutto le etichette dei prodotti, ma sono sicuro che questo lo farà il 5 per cento dei compratori.

quando ero un ragazzo ( tanti anni fa) c’erano poche aziende in ogni settore ed ognuno era competente in quello che costruiva ed immetteva sul mercato, e tutti rispettavamo questo stato di cose, ognuno si specializzava e diventava un esperto del proprio settore. poi negli anni successivi qualcosa è cambiato , con il passare del tempo ho scoperto che fare un prodotto di qualsiasi categoria  è facilissimo, non serve più una specializzazione ( tempo perso) basta andare da chi li fabbrica, metterci un marchio, creare una campagna pubblicitaria , affermare che per quei prodotti sono stati spesi tanti soldi e tanti anni per la ricerca e il gioco è fatto.

tempo fa ho conosciuto un tale, proprietario di un’officina meccanica avviata, che con anni di lavoro aveva messo da parte un discreto capitale, fino al giorno in cui un suo cliente “ esperto di business”  venuto a conoscenza dei capitali di mister x lo convinse che il futuro è nel commercio di prodotti di benessere e che se lui avesse investito in quel settore sarebbe diventato ricco in brevissimo tempo senza più sporcarsi le mani nell’olio, chiaramente lui lo avrebbe aiutato ( entrando in società) a far partire il business. cosi mister x ed il suo ormai socio vanno in una fabbrica e chiedono di creargli una linea di prodotti di benessere. in questa linea ci deve essere di tutto ( parliamo di prodotti di benessere ) dal make-up alla linea completa di cosmetica, integratori perché vanno tanto di moda e per finire ci mettiamo anche due profumi. Dopo aver fatto tutto questo si attivarono per una campagna pubblicitaria in grande stile , scrivendo di aver creato dopo anni di studi e ricerche di essere arrivati finalmente ad avere una formula di prodotti del benessere naturale al 100%

naturalmente con la forza della pubblicità questi prodotti hanno avuto un gran successo ed oggi sono distribuiti oltre che nelle erboristerie anche nelle farmacie.

Io sinceramente ammiro molto queste persone perché sono portato ad ammirare qualsiasi persona possa alzare i propri standard , ma non posso essere d’accordo sui prodotti , questo perché essendo la mia storia lastricata di problemi di salute di mia figlia mi ha portato a fare una ricerca di prodotti di benessere altamente qualificati.

Quando mia figlia Sara all’età di cinque anni si è ammalata di Leucemia, passato il primo momento di disperazione , mi sono messo alla ricerca di un qualcosa che non sostituisse la medicina ufficiale ma un aiuto ad essa, e questa ricerca mi ha portato a prodotti naturali esistenti da millenni ma dei quali ai nostri giorni si erano perse le tracce .

Lessi di un prodotto usato e venerato dagli antichi egizi, arrivato perfino all’impero Romano dove era usato come medicinale, infine riscoperto ai giorni nostri con una famosa frase di Ghandi che alla domanda che cosa lo sostenesse durante i suoi lunghi digiuni? Rispose: furono la mia incrollabile fede in Dio, il mio stile di vita semplice e frugale e l’aloe di cui scoprii i benefici alla fine del XIX secolo, al mio arrivo in Sud Africa”. O ancora a Cristoforo Colombo che disse Quattro vegetali sono indispensabili per la salute dell’uomo: il frumento, la vite, l’ulivo e l’aloe. Il primo lo nutre, il secondo ne rinfranca lo spirito, il terzo gli reca armonia, il quarto lo guarisce”

per finire con un famoso frate brasiliano noto per aver sconfitto delle malattie con questa pianta.

Sto parlando dell’aloe vera.

Chiaramente non ho approfondito solo questa pianta ma molte altre che non sto qui ad elencare, tutte parlavano di cose miracolose, ma nessuna di queste aveva una storia come l’aloe vera.

solo questa mi parlava di un suo passato glorioso accanto a civiltà ormai scomparse ma lasciando tracce del suo passaggio tra queste civiltà

ho cercato di approfondire anche le altre ma mi riportavano tutti i gran benefici che apportavano ma senza una vera storia come l’aloe , non riuscivano a darmi quel senso di sicurezza come l’aloe vera .

con questo non mi permetto di dire che le altre piante non avessero le proprietà elencate , ma io cercavo il meglio del meglio, non potevo permettermi di fare delle prove, o andavo sul sicuro oppure rinunciavo alla mia idea originale.

Una volta scelta la pianta ho avviato la ricerca successiva, cioè come e dove trovare la migliore. Avevo letto che ne potevo trovare ovunque , ma anche che farla da solo era molto pericoloso, poteva crearmi problemi invece di risolverli, ed io non ero alla ricerca di problemi aggiuntivi ne avevo già troppi per conto mio. allora ho iniziato a valutare le varie opportunità in rete e ho visto che non c’era una grande scelta di aziende, erano pochissime , e che queste poche commercializzavano i loro prodotti con il sistema del network marketing, io non avevo niente in contrario al network marketing, anzi trovavo che era un’ottima opportunità di guadagno per giovani intraprendenti, ed ero convinto che le aziende avevano degli ottimi prodotti, ma era senz’altro un sistema di vendita molto aggressivo , e poi avendo sempre gestito attività commerciali classiche ero molto distante da quel mondo, di queste aziende ne ho comunque individuate tre ed ho cominciato ad andare a fondo di ognuna dove chiaramente ognuna era descritta come la migliore e la più perfetta, ma nella ricerca ce n’era una in particolare che mi aveva colpito perché asseriva di avere il 90% della produzione mondiale dell’aloe vera, e mi sono fatto una domanda .se una sola azienda aveva il 90% della produzione mondiale , allora gli altri si dovevano spartire il restante 10% e quindi non rimaneva un granché, mi sembrava un po’ azzardata come bugia, però sai con i tempi che corrono,però avevo anche letto che questa azienda era sul mercato da più di trent’anni , e questo mi faceva pensare che non poteva reggere una bugia per così tanto tempo. allora come facevano le altre case a reggere un commercio con una percentuale cosi bassa di aloe. e quelle vendute in farmacia ? A questo punto bisognava controllare REALMENTE le percentuali di aloe vera in ogni prodotto in commercio , ed ho scoperto che in effetti leggendo attentamente le etichette tutti i prodotti avevano si dell’aloe vera ma in percentuale ridottissima.

Un prodotto con una percentuale pari al 5 o 10% non si può definire un prodotto all’aloe vera, ma si poteva commercializzare come prodotto all’aloe. Mentre la casa presa in questione aveva nei suoi prodotti percentuali molto alte fino ad arrivare ad oltre il 95% in alcuni prodotti, specialmente quelli da bere era in percentuale quasi totale.

A questo punto mi sono fatto un’ulteriore domande?

Forse una percentuale troppo alta fa male? Qual è la percentuale giusta per berla ? Che cosa ci può essere aggiunto, Miele, Zucchero.

A questo punto non mi rimaneva che fare una ricerca all’interno delle varie aziende che avevo scelto per i prodotti all’aloe. e visto che era mia intenzione diventare un consumatore , ho pensato che forse iscrivermi come distributore mi avrebbe fatto risparmiare sull’acquisto personale.

E quindi decisi di partecipare a delle loro presentazioni. A questo tipo di eventi avevo già partecipato in passati in qualità di ospite , e ne sono sempre uscito infastidito dal fatto che trovavi sempre persone che sfoggiavano tutta la loro ricchezza in maniera ( a mio modo di vedere) molto furoreggiante, arrivavano con macchine sportive vestiti impeccabili e sul palco cominciavano a sventolare i loro assegni , a decantare i loro guadagni, e tutti ad applaudire e ad urlare. Io sono sempre stato imprenditore ho avuto attività di successo ma non mi sarei mai sognato di andare su un palco e gridare

QUESTO MESE LA MIA ATTIVITA’ HA INCASSSATO TOT SOLDI ED IO HO GUADAGNATO TOT.

Ma questa volta ero intenzionato a sapere se potevo risparmiare sarebbe stato interessante unire un’opportunità di consumo anche con il guadagno senza il bisogno di sborsare soldi per un’attività commerciale , ma trovavo troppo lontano dalla mia cultura lo sbracciarsi in quel modo,non che fosse oggettivamente sbagliato, ma non lo era per me. Questo anche perché la nostra cultura è ancora molto bacchettona, l’italiano è un popolo di snob, ha sempre la puzza sotto al naso di cose che sono al di fuori del lavoro normale, ma purtroppo non ci potevo fare niente, volente o nolente anch’io ero cresciuto in questa maniera e anche se avessi voluto cambiare, avrei cozzato con qualcosa che per costruirla ci sarebbero voluti anni, ed io di anni ne avevo già tanti

Invece partecipando ad una riunione della forever living rimasi sorpreso dalla qualità delle persone che ne facevano parte attiva come dimostratori, ho conosciuto molti medici, molte persone appartenenti all’ambiente paramedico, ma non solo, anche dei professionisti che erano molto felici di appartenere quell’azienda, e l’età media non era quella che avevo riscontrato nelle altre società di network marketing , ma era molto alta , chiaramente c’erano anche dei giovani ma il distributore medio era sopra gli anta e, ( chiaramente) tutti descrivevano soddisfatti di come l’aloe aveva inciso sulla loro salute. E cosa che mi ha affascinato non ho sentito nessuno decantare i propri guadagni, parlavano di buste paghe, di contributi regolari, di pensioni aggiuntive, tutte cose che nelle altre ( poche) riunioni a cui avevo partecipato non avevo mai sentito. Non mi sembrava assolutamente di partecipare ad una riunione di network marketing , ma ad una di una classica azienda tradizionale .mi sono sentito subito a mio agio, e come avevo pensato se mi iscrivevo come distributore , non avevo nessun obbligo di acquisto fisso mensile , ma avrei avuto subito uno sconto del 30% e sarei potuto arrivare al 48%. Era quello che volevo, avrei acquistato subito un pacchetto di prodotti del valore di circa 500 euro con uno sconto immediato del 30% cioè con 350 euro mi sarei portato a casa 500 euro di prodotti. da quel momento ho deciso di iscrivermi come distributore. ed ho iniziato a consumare il prodotto come mi avevano consigliato.

Inizialmente presi l’aloe da bere al mattino e alla sera per un paio di mesi , e sinceramente non avevo nessun sentore degli effetti benefici che tutti mi decantavano, cominciai a pensare che mi ero fatto fregare un’altra volta, tutti i miei buoni propositi di ricerca e mi avevano rifilato un altro pacco da 500 euro ed ero abbastanza incazzato , perché mi sentivo un fesso ad essermi fatto abbindolare.

Poi mi sono fatto una domanda ? ma se questa azienda vende i suoi prodotti da trent’anni , non può essere solo un’operazione commerciale , doveva essere chiusa da un sacco di tempo, tanto più che non c’erano solo distributori che potevano al limite decantare l’azienda per motivi economici , ma c’era un sacco di gente che acquistava il prodotto da anni senza essere distributore e tutta gente soddisfatta.

Allora come mai solo a me non faceva niente. che forse era il mio fisico che era troppo provato e non rispondeva più? Oppure la usavo nella maniera sbagliata e non avevo nessun beneficio. Ottenni la risposta dopo alcuni giorni. Infatti da li a una settimana durante un incontrai il mio medico che mi consigliò di fare delle analisi dato che erano passati due anni dalle ultime fatte e a 55 anni avrei dovuto avere un po’ più di accortezza per il mio fisico.

Fatte le analisi notai con stupore che il colesterolo che io avevo da sempre in misura esagerata intorno ai 550 erano scesi dopo tanti anni a 220 cioè quasi alla normalità,ho collegato subito il consumo dell’aloe ed ho capito varie cose fino ad allora a me ancora non molto chiare.

L’aloe vera agisce sicuramente ma per fare breccia nel fisico devono passare almeno due se non tre mesi questo perché dia modo al succo di penetrare, individuare ed eliminare tutte le scorie accumulate da anni e cominciare a ricostruire il tutto su una base nuova

Ecco il perché dei distributori strasoddisfatti e di fascia medio alta d’età; perché questo non era un prodotto mordi e fuggi come piace tanto oggi ma una volta che il fisico prende conoscenza del nuovo prodotto lo assimili in maniera lenta ma perfetta.

Da allora nel mio frigorifero non mancano mai almeno due bottiglie di aloe oltre ad una scorta

Naturalmente ( con molti sforzi ) riesco a farla prendere a mia figlia che in questo momento dopo nove anni ha finito la chemioterapia e sta benissimo, NON PENSO ASSOLUTAMENTE che l’aloe abbia guarito mia figlia, ma sono sicuro che essendo noi quello che mangiamo abbia agito in maniera egregia aiutandola a ristabilire le sue cellule

Fino ad allora avevo solo preso in considerazione di essere un cliente della forever, anche perché ero troppo preso dai miei precedenti interessi lavorativi. Ma già il mio pensiero era rivolto ad un mio prossimo ingresso come distributore attivo , mi attirava molto l’idea di creare una rete di persone , crescere con loro ed espandere l’informazione di questo prodotto . avevo già la visione di un progetto personale per adattarlo alla distribuzione dei prodotti dell’aloe in maniera significativa e professionale, il mio obiettivo era di portare a conoscenza del resto del mondo le virtù terapeutiche di questi prodotti meravigliosi , far capire ai miei futuri collaboratori che la scelta di questi prodotti in confronto ad altri poteva portare solo vantaggi significativi , sia di natura professionale, sia di natura economica, sia a livello personale. Ma c’erano degli scogli da superare.

Il primo Era il network marketing

lo scoglio era il sistema di distribuzione cioè il network marketing che in Italia era visto in maniera pessima, è visto come l’ultima spiaggia, chiunque si avvicinava a vendere questi prodotti non era visto come una persona che credeva fermamente in quello che proponeva ma come una persona rifiutato dal sistema lavorativo tradizionale e che non avendo più niente da perdere nella vita lavorativa, come ultima spiaggia si era messo a vendere questi prodotti. Confesso che anni fa era anche il mio pensiero, quando si avvicinava qualcuno nel mio locale e cercava di propormi questo tipo di vendita io lo ascoltavo ma in maniera molto superficiale, e mi pento di questo perché se anni fa avessi aperto di più i miei sensi invece di giudicare forse oggi sarei sicuramente tra i grandi leader nati da questo sistema di vendita

Il secondo era la mia storia lavorativa

avevo fino ad allora gestito istituti di bellezza, altre aziende commerciali per passare poi con il tempo all’internet marketing , lavoro che faccio ancora oggi con molta soddisfazione. Ma sempre e solo con un posto fisico di riferimento

io riesco a vedere il lavoro in maniera molto tranquilla , un posto dove andare al mattino e poterci passare la giornata ,cioè senza un ufficio, un posto fisico di riferimento mi sembrava di non lavorare ma di bighellonare , non riuscivo ad uscire da casa per andare a trovare delle persone e proporgli il mio business, mi sembrava di non dare il giusto riconoscimento al mio lavoro. Insomma non avevo la mentalità del venditore. E siccome il mio target di riferimento per i nuovi collaboratori distributori da cercare era proprio l’ambiente dei centri benessere, cioè i titolari di istituti di bellezza, di centri estetici, ero convinto che anche loro avevano il mio stesso problema, in fondo volevo offrire questa attività a miei colleghi, quindi sicuramente andavo ad offrire qualcosa a qualcuno che per storia lavorativa non poteva essere diverso da me.

Se volevo parlare ad un pubblico che aveva i miei stessi pensieri dovevo creare qualcosa al di fuori del classico ambiente della vendita diretta.

Ed infine la cosa più importante

nella forever living ci sono oltre 180 prodotti la particolarità di questi prodotti deriva dall’inserimento di ogni prodotto dell’aloe vera.

Mi spiego meglio ogni azienda crea varie linee di prodotti

Linea casa

Linea cosmetica

Linea trucco

Integratori alimentari

ma solo la forever abbina ad ogni suo prodotto l’aloe vera, questo porta ad avere integratori, cosmesi, make-up tutto all’aloe vera . in particolare sia la cosmetica che il make-up sono veri concentrati di aloe vera e questo fa si che i prodotti siano oltre che professionali anche anallergici. Questa è la grande scommessa, far capire agli operatori del settore che usare i prodotti forever non è semplicemente un cambio di prodotti per simpatia o diversità di introiti, ma quella di unire il professionale con

La mia visione era quella di avere dei centri servizi sparsi in tutta Italia per poter dare supporto formativo di tipo professionale ai nuovi informatori/distributori.

Immaginavo un club come punto di riferimento dove tutti i distributori della zona potevano usufruire ed usare sia come punto per i nuovi clienti, sia proprio come un club dove poter passare delle ore liete con nuovi amici.

E questo ripetuto in tutte le città italiane dove ognuno del nostro futuro gruppo poteva usufruirne,e sentirlo come una sua seconda casa. Un posto dove regnava il calore dell’amicizia vera, dove ognuno doveva sentirsi orgoglioso di parteciparvi.

Comunque a questo punto prima di passare al progetto di commercializzazione e distribuzione che avevo già in mente e mettere la mia faccia su una azienda non mia ho voluto prima valutare la bontà della cosmetica e dei prodotti di make-up. Per fare questo dovevo provarla su più persone per provarne l’efficacia con i tempi dovuti, non mi andava di vendere un prodotto del quale qualcuno poteva accusarmi che non era per niente professionale. Avendo fortunatamente già avuto a che fare con questi tipi di prodotti per le mie precedenti attività , volevo essere sicuro che quelli della forever non solo non erano secondi a nessuno ma dovevano essere tra i primi della classe. Di questo ero già convinto, perché avevano un qualcosa che gli altri non avevano all’interno cioè una percentuale di aloe vera che le dovevano dare per forza un qualcosa in più. ma volevo essere sicuro prima di passare al mio progetto di assicurarmi che persone al di fuori della mia cerchia mi dessero la loro approvazione.

Quindi ordinai i beauty-case per trucco e tutto l’occorrente per la cosmetica e per il corpo.

E tramite mie amiche estetiste e visagiste ho iniziato un’operazione di marketing!

Come!?

andavo negli istituti di bellezza e proponevo di effettuare un trucco gratuito a tutte le clienti del centro che lo avessero voluto. Con questo sistema ho visto , per conferme avute dalle clienti che si erano sottoposte al servizio, che i prodotti erano come io immaginavo fantastici, il trucco era a livello professionale di fascia alta e anallergico, di tutte le clienti che lo hanno provato nessuna ha avuto da ridire niente. E ho fatto anche un bel po’ di vendite, di queste , tutte ad oggi continuano non solo a comprare i prodotti di cosmesi, ma hanno scoperto anche gli altri prodotti della nostra linea.

Chiaramente questo mi ha galvanizzato da una parte perché tutto mi stava dicendo che ero sulla strada giusta, dall’altra avevo il timore come spiegato sopra della mia totale incapacità a vendere.

Però a questo punto avevo capito che stavo perdendo solo tempo, avevo spulciato l’azienda in tutte le maniere , avevo passato un sacco di tempo a fare ricerche estenuanti di tutti i prodotti, dell’azienda, del loro management , ed i miei sponsor mi guardavano come se fossi stato un imbecille non capendo il perché ( a loro modo di vedere) perdevo tutto questo tempo dietro all’azienda senza darmi da fare e guadagnare.

Ma io avevo in mente un progetto grandioso , e non volevo assolutamente andare a casaccio . non ero interessato a diventare un classico numero come distributore della Forever , la mia visione era un team di professionisti che avrebbero sconvolto tutti i distributori fino ad allora esistenti , un team di persone capaci e che a macchia d’olio avrebbero spalmato i prodotti della forever living in tutta Italia.

Il mio obiettivo era molto ambito, non accettavo altri termini, volevo:

ü diventare in due anni il distributore numero uno in Italia

ü far entrare l’aloe vera In tutti i centri benessere

ü creare almeno 100 nuovi manager in due anni

Per fare questo dovevo avvalermi di tutte le mie passate esperienze lavorative.

Le mie esperienze sono state:

ü titolare di istituti di bellezza in Roma

ü titolare di Tour Operator e agenzie di viaggi

ü titolare di agenzie immobiliare

ü da anni studioso ed esperto di web marketing

ü master in PNL ( programmazione neuro linguistica)

ü studioso ed esperto della legge dell’attrazione

a questo punto dovevo tirare tutte le somme delle mie esperienze passate e concentrarle su questo progetto.

un giorno ero a pranzo con un mio ex collega titolare di un istituto di bellezza e gli parlai di questo progetto che avevo in testa chiedendogli cosa ne pensava, lui mi disse.

( Mario, perché stai facendo tutto questo per un’azienda che non è la tua, tu hai sempre avuto aziende create da te , credo che sarebbe più opportuno creare una tua linea di prodotti con il tuo marchio e svilupparla con il sistema che mi hai appena menzionato, sei abbastanza capace ed hai abbastanza esperienza perché questo possa avvenire, con la differenza che avrai una tua società di tua esclusiva proprietà.

Io gli risposi che era proprio quello che stavo facendo, io volevo creare un’azienda nell’azienda ,ma sfruttando l’esperienza, la tecnologia, e tutte le altre cose che metteva a disposizione la forever, avrei potuto concentrarmi unicamente nella formazione e offrire il meglio dei servizi senza andare ad intaccare una produzione già esistente e che funzionava benissimo. Sia io che lui sapevamo benissimo quanto tutti questi problemi andavano ad intaccare la concentrazione sul lavoro, perché quando un imprenditore può togliere dai suoi incarichi tutti quelli descritti sopra riesce sicuramente a lavorare in armonia senza stress, e quello che volevo fare era semplicemente trasmettere questo a tutti i titolari di centri benessere. Perché anche loro avrebbero usufruito di tutto questo, certo gli impegni già esistenti con il suo locale non gli potevano essere tolti, ma una serie di servizi come quelli che ti offre una seria azienda di network marketing come la Forever living sono notevoli e non sono assolutamente riscontrabili con altre aziende

Ti versa dei contributi aggiuntivi

ti fa uno sconto sul prodotto fino al 48%

ti da una percentuale su tutte le persone che saranno sponsorizzate da te

ti da un bonus annuale sul fatturato aziendale

ti offre crociere in tutto il mondo gratis e perfino con i soldi da spendere in viaggio

ti paga il leasing di una macchina fino a 800 euro al mese

e tutto questo con dei prodotti assolutamente professionali

Ø Avevo a disposizione dei prodotti che non sarei mai riuscito ad eguagliare

Ø C’erano trent’anni di storia e di tecnologia all’avanguardia

Ø Non avevo problemi di pagamenti in quanto se ne occupava la forever

Ø Non avevo problemi di bonus aziendali in quanto se ne occupava la forever

Ø Niente commercialisti, pagati dalla forever

Ø Contributi per me e per tutti versati dalla forever

Continuammo a parlare ancora molto di questa cosa, gli spiegai che il difficile non era il capire il sistema di vendita ma accettarlo come un sistema diverso da quello cui finora eravamo abituati.

I bisogni primari dell’uomo

Da piccoli ci avevano detto: studia , specializzati in un settore e quando avrai acquisito l’esperienza necessaria potrai aprire una tua attività ( sto parlando di un titolare di centro benessere) io non dico che questo non è giusto, anzi , ma oggi i tempi sono cambiati, io sono quasi dieci anni che ho venduto le mie attività, ed ho scoperto in questi dieci anni delle realtà affascinanti , io conosco persone che hanno lasciato studi professionali avviati per lavorare in casa e guadagnano molto di più di quando avevano il loro studio, ottenendo molto più tempo a disposizione ,c’è un mio amico commercialista nel casertano che da tre anni ha chiuso il suo studio per lavorare con internet, e non solo non si è pentito ma è felicissimo, quando mi incontra mi dice che lui oggi guadagna esattamente il doppio di quello che guadagnava prima come consulente del lavoro, e non tornerebbe mai indietro perché quello che fa adesso lo appassiona totalmente avendo un sacco di tempo libero a disposizione. oltre che farlo guadagnare molto bene,

Con questo non sto dicendo che avere un’attività oggi non è più di moda, non mi permetterei mai, poi io sono stato titolare di istituti di bellezza, avevo diciotto dipendenti, è un mestiere affascinante , bellissimo a me sinceramente manca quell’ambiente, era ( anzi è ) un lavoro gratificante a contatto con le persone, ma gestire diciotto persone specialmente oggi non è facile, io ho avuto la fortuna di essere titolare oltre che di centri molto centrali, anche in tempi molto diversi da oggi, il lavoro non mancava mai, le spese erano molto ma molto meno di oggi, e il guadagno era più che soddisfacente, a me ha permesso di avere macchine stupende, poter fare dei viaggi bellissimi, eravamo talmente viziati che forse pensavamo molto a divertirci e pensare poco al futuro, tanto si faceva sempre in tempo, invece i tempi sono cambiati.

Oggi io vedo dei miei colleghi molto stressati, con un sacco di problemi che prima non c’erano, mi rendo conto che gestire oggi un’attività è stressante

ü Lavoro dimezzato

ü Costo prodotti

ü Aumento tasse

Il parrucchiere è un mestiere creativo e come tale se non si ha la mente sgombra da problemi come ,bollette,affitti,personale, non si può esprimere la propria creatività

L’uomo per vivere ha bisogno di stimoli, di interessi, ci sono dei bisogni primari da soddisfare, questi bisogni sono fondamentali per la crescita

I bisogni dell’uomo

 


 

Chiunque abbia fatto un po’ di sociologia, psicologia, ma anche organizzazione aziendale e gestione del personale, conosce l’ordine dei bisogni di Maslow, secondo il quale alcuni bisogni vanno soddisfatti prima che nascano quelli del livello successivo .

Bisogni fisiologici :
fame, sete, sonno, potersi coprire e ripararsi dal freddo, sono i bisogni fondamentali ,connessi con la sopravvivenza .

Bisogni di sicurezza :
devono garantire all’individuo protezione e tranquillità .

Bisogno di appartenenza :
consiste nella necessità di sentirsi parte di un gruppo, di essere amato e di amare e di cooperare con altri .
E’ molto sentito dall’adolescenza .

Bisogno di stima :
riguarda il bisogno di essere rispettato, apprezzato ed approvato, di sentirti competente e produttivo .

Bisogno di auto realizzazione :
inteso come l’esigenza di realizzare la propria identità e di portare a compimento le proprie aspettative, nonché di occupare una posizione soddisfacente nel proprio gruppo .

A questi cinque livelli si aggiunge il “Bisogno di trascendenza” inteso come tendenza ad andare oltre se stessi, per sentirsi parte di una realtà più vasta, cosmica o divina .

Vediamo il percorso evolutivo di un parrucchiere

1. Inizia a lavorare presso un centro come dipendente Bisogni fisiologici

2. Cresce di carriera Bisogni di sicurezza

3. Apre una sua attività Bisogno di appartenenza

4. Sente il bisogno di un ampliamento dell’attività Bisogno di stima

5. Sente la necessità di espandersi Bisogno di auto realizzazione

6. A questo punto sente il bisogno di lasciare un segno Bisogno di trascendenza

quindi in un primo momento è interessato ad acquisire tutte le nozioni che lo portano ad avere il controllo totale della propria vita (1 e 2 )

al momento del suo ingresso tra gli imprenditori , ha acquisito il bisogno di appartenenza e sente il mondo tra le sue mani , perché è arrivato alla conclusione dei suoi sacrifici ed ha quello che voleva da anni

ma andando avanti con l’attività si rende conto che tutto questo ormai fa parte della normalità e inizia a pensare che è giunta l’ora di crescere e di espandersi

a questo punto ha realizzato tutto quello che voleva e sente l’esigenza di lasciare una traccia del suo passaggio.

Questo processo evolutivo fa parte dell’uomo da sempre , sono questi i motivi che ci distinguono dal regno animale, e che ci hanno portato dall’età della pietra al progresso che abbiamo oggi.

Se un titolare di un centro benessere decide di alzare il livello del proprio locale ha queste possibilità

1) TROVARE UN SOCIO FINANZIATORE

2) ENTRARE IN UN FRANCHISING

3) CREARSI REDDITI ALTERNATIVI

4) CREARE DEI SERVIZI AGGIUNTIVI AL CENTRO

Ti starai chiedendo ma che c’entra questo con tutta storia dei prodotti forever di prima??

Ho fatto questa analisi per arrivare a ; oggi siamo talmente confusi di tutto che non abbiamo più tempo di ascoltare magari una proposta molto allettante ma siamo come ipnotizzati da tutte le informazioni che riceviamo e pertanto non riusciamo più a distinguere quello che potrebbe essere importante da quello che invece non ci interessa, ecco perché a volte ci ritroviamo a spendere dei soldi per cose cosi futili che ce ne accorgiamo solo dopo averli acquistati,quindi siamo prevenuti su tutto , e alla fine non compriamo più quello che realmente ci serve ma a questo punto quello che ci piace,

Quindi per poter arrivare a quello che mi ero prefisso non potevo solo andare a vendere i prodotti della forever ma dovevo creare una serie di servizi dove far atterrare gli operatori del benessere e da li presentare i prodotti ,

quindi partendo dalle mie conoscenze

conoscendo l’ambiente dei centri benessere

ritenendomi un esperto di web marketing e della programmazione neuro linguistica

da queste basi è nato Aloewebcafe ,cioè: prodotti e servizi per gli operatori del benessere

ü blogging business

ü legge dell’attrazione

ü aloecocktailbar

ü scuola di trucco

ü webagenci

ü centro formazione

andiamo ad analizzare i vari servizi

……………………………………………………………………………………….

aloe cocktail bar:

un servizio bar completamente attrezzato in stile caraibico da introdurre nei centri benessere con misure da adattare in funzione dello spazio in cui si andrà a collocare . può essere un due metri per tre , che andrebbe benissimo ma avendo più spazio ( per esempio una stanza dedicata ) si adatterà alle misure .

i vari prodotti da consumare saranno tutti a base di aloe vera,sono veri sorsi di benessere , invece del classico caffè, cappuccino o aperitivo potremo offrire alla clientela del centro dei veri sorsi e morsi di benessere, adatto a chi vuole star in forma tutta la giornata senza appesantirsi con i classici pranzi fuori casa.

tra i nostri prodotti

· vari cocktail analcolici tutti con l’aloe ( circa una ventina)

· centrifughe

· sostituti del pasto

· the all’aloe

· miele liquido

· biscotti all’aloe

· cioccolatini all’aloe

· gelato all’aloe

scuola di trucco

per la creazione di visagiste truccatrici/ori

espansione dei prodotti cosmetici forever

formazione su tutti i prodotti di bellezza e di make-up

· corso di trucco base

· corso di trucco avanzato

· corso di trucco master

aloewebagenci

per offrire tutti i servizi più innovativi del web per i centri benessere

creazione siti/blog

creazione campagne pubblicitarie sul web

e-learning

tele videoconferenze

formazione

formazione per estetiste e visagiste

formazione per titolari e collaboratori del centro

servizi web dedicati

un bar interno per il centro con prodotti a base di aloe

servizi di formazione a distanza ( e-learning)

formazione continua all’uso dei prodotti forever

assistenza continua tra centro e nostri uffici ( tramite audio videoconferenza)

se sei interessato al nostro progetto mandaci un’email e sarai ricontattato dal nostro staff.

Al tuo successo

Mario santostefano

15

Altro Centri Benessere

Annunci correlati

Inserisci la tua recensione

Esprimi il tuo giudizio, cliccando sulle stelle :

Invia a un amico

Verifica Captcha
captcha image

Invia richiesta

Verifica Captcha
captcha image

Filosofia di We Italy

L’unione fa la forza, e su We Italy ogni associato è tanto più forte nelle vendite quanto più è unito al gruppo e alla mission!

News dal blog